data-srcset

e-commerce e acquisti on-line nel 2020

FavoriteLoadingAggiungi ai preferitiReading Time: 2 minutes

Data la continua evoluzione degli eventi, questo post sarà in continuo aggiornamento.

Cerchiamo di vedere l’effetto del covid-19 sull’e-commerce e gli acquisti on-line nel 2020.

E’ forse scontato aspettarsi un’impennata degli acquisti on-line nel #2020, ma sarà sicuramente interessante vedere in che misura saranno cresciuti e come usciranno modificati i comparti da questo covid19

Nell’immagine che segue, un estratto dell’infografica, presa da https://lnkd.in/dEbkdhg del politecnico di milano.

L’infografica, relativa all’analisi sui dati ecommerce del #2019, evidenzia che il valore degli acquisti on-line su siti italiani e internazionali è stato di 31,6 miliardi di €, con un incremento del 15% rispetto al 2018.

I comparti con valore maggiore risultano

  • turismo e trasporti, 10,9 miliardi di €
  • Informatica ed elettronica 5,3 miliardi di €
  • Abbigliamento 3,3 miliardi di €
  • Arredamento e home living 1,7 miliardi di €
  • Assicurazioni, Food e Grocery 1,5 miliardi di €
  • Editoria 1 miliardo di €

Vediamo ora cosa dicono i primi dati rispetto all’e-commerce e agli acquisti on-line nel 2020.

Le indagini Nielsen evidenziano come il #covid-19 abbia modificato la bitudini degli italiani e, di conseguenza, come questo cambiamento abbia influito sulla grande distribuzione organizzata (GDO).

Romolo de Camillis, Retailer Service Director di Nielsen Connect in Italia evidenzia quanto segue

“È trascorso un mese dall’inizio dell’emergenza sanitaria ed è ovvio che le vendite della GDO rispecchino la trasformazione della vita degli italiani in abitudini sempre più ‘domestiche’. Sottolineiamo però che i trend di crescita durante l’ultima settimana hanno iniziato a dare forti segnali di cambiamento, in particolare a livello di formati. L’ascesa dell’eCommerce e dei negozi di vicinato rispecchiano l’esigenza di evitare lunghi tragitti casa-negozio, nonché di evitare code e assembramenti, così come il calo degli specialisti drug ha come causa principale la necessità dei consumatori di concentrare gli acquisti in un solo negozio.”

L’e-commerce ha fatto segnare un notevole aumento delle vendite di prodotti di largo consumo; nella settimana che va dal 9 al 17 marzo è stato addirittura del +97,2%, in rialzo di 15pp rispetto al trend della settimana precedente.

Le principali categorie coinvolte nella crescita sono quelle relative ai prodotti alimentari e ai beni legati all’igiene della casa e della persona (guanti, saponi, detergenti, termometri, ecc..).

 

[Fonti:

  • Politecnico di Milano, https://lnkd.in/dEbkdhg
  • Nielsen, https://www.nielsen.com/it/it/insights/article/2020/coronavirus-la-spesa-in-quarantena/

]